mercoledì 12 novembre 2008

Count Down

Stiamo entrando nel conto alla rovescia. Tra un mese finirà la sperimentazione che Cemusa ha regalato per 6 mesi alla città e il bike-sharing potrebbe scomparire del tutto. Niente bando, nessun interesse da parte delle multinazionali che gestiscono i bike sharing altrove (Milano, Barcellona, Parigi) essenzialmente a causa della situazione pubblicitaria da terzo mondo della città, dove spadroneggiano abusivi e dove non esiste un piano regolatore delle affissioni. Roma si avvia a diventare, nel breve volgere di qualche mese, l'unica città europea priva di bike-sharing.
Ma loro non diranno che è colpa della disorganizzazione della città, diranno che è colpa dei sette colli... Quanto ci scommettete?

4 commenti:

Anonimo ha detto...

la speranza è l'ultima a morire

Anonimo ha detto...

In effetti non si riesce a saperne nulla. Ho chiesto alle addette dei gabbiotti informativi ... ma non hanno notizie.
Il Blog del servizio Roma-n-Bike su www.roma-n-bike.it sembra finto e congelato ad alcuni mesi fa

Ditemi che non è vero!

Anonimo ha detto...

Che schifo, è una cosa oscena. Macchine, solo macchine...

Anonimo ha detto...

ho appena fondato un gruppo facebook sul bike sharing romano dal nome "Bike Sharing Roma". Troviamoci anche li se volete
Paolo