mercoledì 29 dicembre 2010

Il rapporto Euromobility "frodato" dal bike-sharing romano?


Gentile Euromobility,

dopo una attenta lettura delle slides del vostro sempre interessante rapporto di fine anno, ci sentiamo di porvi una piccola questione riguardante il bike-sharing romano. La riflessione parte dalla costatazione, oggettiva, che chiunque può effettuare, che il servizio a Roma non esiste. Non è utilizzato (ne utilizzabile) da alcuno, versa nel più totale degrado e abbandono da mesi e mesi.
Nelle vostre graduatorie, invece, c'è addirittura una schermata in cui Roma risulterebbe battere tutte le città -anche quelle che hanno servizi eccellenti come Milano- quanto a iscritti. Il dato che vi è stato fornito, con ogni probabilità, riporta una serie di abbonamenti cumulati, ma assolutamente dormienti. Magari anche il mio, lasciato a marcire da quando, oltre un anno fa, il servizio venne messo a pagamento nella prima mezz'ora (caso unico a livello europeo) e di conseguenza venne reso inservibile.
Per il bike-sharing il dato da considerare è il numero di biciclette disponibili (ma non il numero "ufficiale", visto che per Roma purtroppo riportate quello, ma il numero "reale", scontato dalle decine e decine di bici rubate!) ed il numero di prelievi quotidiani (o settimanali, o mensili). Considerando questo ultimo dato, ammesso e non concesso che i gestori gradiscano divulgarlo, avreste potuto costatare con i vostri occhi la totale inesistenza del servizio a Roma. Dato che avrebbe fatto scivolare la Capitale ben al di sotto della 20esima posizione che, purtroppo, non merita!

PER SCARICARE IL RAPPORTO

1 commento:

Werner Ebner ha detto...


Simply wish to say your article is as astonishing. The clearness on your post is just cool and that i can suppose you're a professional on this subject. Fine with your permission allow me to seize your RSS feed to stay updated with forthcoming post. Thanks 1,000,000 and please keep up the gratifying work. fb login facebook