mercoledì 10 agosto 2011

Quando si passerà dalle chiacchiere ai fatti!?

Un po' di rassegna stampa da Il Tempo di oggi. Ma sono ancora chiacchiere e il bando per il nuovo bike-sharing ancora non si vede. Puntano ad inaugurarlo nella primavera del 2013 per utilizzarlo a fini elettorali!?!?!? Beh, sappiano che non ci cascherà nessuno.



L'ANNUNCIO A BREVE VERRÀ PUBBLICATO IL BANDO DI GARA
Il bike sharing torna ai privati
È stata la prima inaugurazione di Gianni Alemanno in veste di sindaco: il 13 giugno 2008 in piazza di Spagna, insieme agli allora neo assessori alla Mobilità e all'Ambiente, Sergio marchi e Fabio De Lillo, saliva sulla prima bicicletta «in affitto», ovvero sul primo servizio di bike sharing della capitole messo in piedi dalla precedente amministrazione.



La società spagnola Cemusa aveva un contratto epr sei mesi di sperimentazione, poi prorogati su richiesta del Campidoglio nell'attesa di una gara che non si svolse più. Via gli spagnoli allora e gestione affidata direttamente all'Atac, allora affidata alla guida di Massimo Tabacchiera con un piano di rilancio in grande stile. Evidentemente però l'Atac non ce la fa. Non solo la gestione ma anche un sistema di manutenzione e rischio (il numero dei furti delle due ruote sarebbe elevatissimo) sul quale non è il caso che l'azienda di trasporto pubblico, impegnata con ben altri problemi, insista. Ecco allora l'annuncio del sindaco: «Sta per partire una nuova gara per la gestione del bike sharing che dunque sarà privatizzato - ha detto ieri Alemanno -. Tutta la risistemazione degli stalli sarà fatta alla luce di questo nuovo servizio che permetterà a Roma di avere un bike sharing all'altezza della situazione». Si torna all'antico insomma, e chissà se quelle biciclette ferme negli stalli semivuoti del centro (anzi spesso occupati dai motorini a caccia di parcheggio) non si mettano finalmente a pedalare.

Nessun commento: