lunedì 31 gennaio 2011

Noi vogliamo che quest'uomo lasci le deleghe sulla ciclabilità

0 commenti

Nulla contro il neo assessore all'ambiente Marco Visconti che già nelle sue prime mosse (soprattutto perché si è mosso immediatamente contro i cartelloni selvaggi) ci è sembrato ben intonato. Ma non è ammissibile, in una città europea, che a parlare di ciclabilità sia l'assessore all'ambiente. Questo tradisce una concezione vecchia e sciatta del concetto di mobilità urbana secondo cui chi va in macchina si sposta "seriamente", chi va in bici, invece, si sposta per divertirsi, per fare una sgambata la domenica. Niente di tutto questo esiste al mondo: la bicicletta è un mezzo di trasporto, uno strumento di mobilità, il fatto che non inquini e che faccia stare in forma è assolutamente secondario. Ecco perché tutto il mondo della ciclabilità deve essere trattato dall'assessore alla mobilità, non da quello all'ambiente. Succede così in tutto il mondo, a partire ad esempio da Milano...