martedì 28 febbraio 2012

L'impossibilità di una città di diventare normale...

7 commenti
Milano, Lione, Parigi, Londra. La prossima estate, alla grande, New York. E molte altre. Sono le città che sono passate al bike-sharing ed hanno completamente cambiato faccia alla loro mobilità. Roma ci sta provando dal 2008 (vietato ridere) e non ce la sta facendo assolutamente. Nella migliore delle ipotesi le stazioni sarebbero state 80. Un decimo di quelle di Parigi in una città grande dieci volte Parigi. Il computo dei numeri lo abbiamo fatto qualche post fa. E la migliore delle ipotesi neppure si verificherà, visto che è notizia di questi giorni la sospensiva che il TAR ha dato sulla gara per il nuovo bike-sharing. Doveva concludersi tutto a metà febbraio, forse si andrà a maggio... E già ci aspettiamo una vertenza per ognuna delle 80 stazioni. Sapete com'è, torgono i posti ae maghine...

giovedì 23 febbraio 2012

Ehehhee, bella domanda...

0 commenti
Ciao sono un manutentore ex Cemusa. Ma delle 200 bici acquistate dall'Agenzia della mobilità sapete qualcosa?