lunedì 26 agosto 2013

Il rilancio del bike-sharing di Guido Improta? Una doppia sciagura sia per i ciclisti sia per i cittadini che richiedono la riforma della cartellonistica. Ecco perché

L’iniziativa di “rilancio”, tra tante virgolette, del bike-sharing a cui sta lavorando l’assessore Guido Improta e che è stata anticipata dalla stampa qualche giorno fa appare fin da subito molto deludente. Un semplice e banale piano, già esistente all’epoca Alemanno, che non porta alcun vantaggio a questo servizio che ha bisogno di ben altro respiro per risultare decisivo. Non dimentichiamo che il bike-sharing, dove fatto funzionare come si deve, ha drenato fino ad un 10% di spostamenti urbani liberando strade e combattendo la congestione del mezzo pubblico. In una città come Parigi, per capirci, l’istituto dello sciopero dei mezzi pubblici ha perso completamente forza (pensate a Roma il venerdì…) perché tanto la gente in ufficio ci arriva uguale grazie al bike-sharing. Uno strumento potentissimo che per funzionare deve avere determinate caratteristiche che sono profondamente lontane da uno schema di 80 stazioni come lo prevede Improta.
Con 80 stazioni, in una città sconfinata, Roma avrebbe (pur con un abbonamento simile, anzi un po' superiore, a quello di altre città: 40€) meno postazioni di Torino, meno della metà di Milano con un terzo delle biciclette della città lombarda. Inutile addentarsi in spiegazioni tecniche: con 80 stazioni il bike-sharing non serve ad alcunché.
Non si capisce poi perché per installare delle stazioni occorra il vialibera della Soprintendenza. Che sovente boccia ma che non boccia mai la sosta delle auto, anzi neppure viene interpellata. Per un parcheggio di biciclette serve il loro assenso, per un parcheggio di autovetture no: bizzarro, no!?

Al di là delle questioni dimensionali e delle questioni architettoniche e di tutela, passiamo alle questioni gestionali. La terribile notizia per tutto il movimento che si occupa di combattere la cartellopoli romana (ovvero quello scandalo incredibile che negli ultimi anni ha ulteriormente peggiorato la annosa consegna del mercato della pubblicità ad una pletora di ditte spesso para-criminali) è che il Comune sta cercando di scindere le sorti del bike-sharing da quello dello scandalo cartellopoli. Dovunque il bike-sharing funzioni infatti, con poche eccezioni come Londra ma con tante conferme come Parigi, Lione, Milano, Torino, sono le società dell’impiantistica pubblicitaria  a gestirlo. Da qui l’assioma secondo cui a Roma il bike-sharing  avrebbe potuto funzionare solo dopo una radicale sistemazione (che oggi è alla portata grazie alla scadenza delle concessioni nel 2014) del mercato pubblicitario inserendo  il bike-sharing stesso tra i ‘tornaconti’ in un eventuale bando di gara che assegnasse le nuove concessioni. Ora cosa succede? Succede che il bike-sharing si cerca di farlo lo stesso, non più in cambio di cartelloni pubblicitari e dunque non più nell’ambito di una risistemazione del comparto cartelloni. L'amminirazione, a quanto pare e speriamo davvero di sbagliarci, immagina di non poter risolvere il bubbone dei cartelloni e allora trova, maldestramente e goffamente, le strade per aggirarlo.

Avremo, dunque, un bike-sharing che non servirà a nessuno, con sole 80 stazioni su un territorio che dovrebbe averne almeno dieci volte tanto, e in compenso non potremo più neppure utilizzare questo argomento come leva e grimaldello per richiedere a gran voce la sistemazione del comparto cartelloni. Una perdita secca su entrambi i fronti, un uno due da ko.

Auguriamoci che l’assessore alla mobilità, che ha giustamente la delega per la ciclabilità, corregga rapidamente la rotta. Anche perché altre caratteristiche minori del progetto (demenziali le bici elettriche, pericolosissimo per il Comune doversi caricare dei costi del vandalismo) appaiono valorizzare il nostro pensiero: non occorre inventarsi nulla, i modelli esistono già e vanno soltanto copiati.

7 commenti:

Allanon ha detto...

Sono d'accordissimo su tutto quello che avete scritto. L'unico aspetto positivo che vedo nel "piano" Improta è che almeno qualcosa si muove sul bike sharing. Anche se è pochissimo enon convincente. Una domanda: perchè demenziale il fatto di mettere a disposizione le biciclette elettriche? A prima vista mi sembrerebbe una buona idea per convincere ad andare in bici anche quelli che hanno paura dei colli romani (come se fossero il Mortirolo). Il problema è il vandalismo?

Massimiliano Tonelli ha detto...

Ma certo, problema di vandalismo. Chi non ce la fa a fare le salite utilizzerà i mezzi, il bike-sharing non è una roba per andare a fare una passeggiata al Pincio è altro. Mettere una bicicletta così cara e vulnerabile come una bici elettrica è, appunto, demenziale.

Ripeto: non occorre inventare niente. Bike-sharing che funzionano alla grande già ci sono: basta copiare. Non nei grandi bike-sharing mondiali bici elettrice non ce ne sono davvero!

Anonimo ha detto...

Perché legare il bike sharing forzatamente alla soluzione, per quanto auspicabile, anzi necessaria, del problema cartellone selvaggio?
Certo che bisogna arrivare a civilizzare le affissioni, ci mancherebbe ma se per sciagura ci volessero tre anni (dopo tutto ci metterei la firma) dobbiamo aspetare tre anni più aggiustamenti vari per avere un bike sharing che, per iniziare va bene anche come previsto nel piano.

Anonimo ha detto...

Concordo, se hanno rubato le bici classiche nel giro di pochi mesi, quelle elettriche rischiano di non durare nemmeno una settimana...

Ma poi s'è saputo o almeno hanno indagato su chi abbia rubato le vecchie bici? Dubito che centinaia di furti siano opera di altrettanti ladri...che ci sia un racket pure dietro ai furti di bici?!

Anonimo ha detto...

Rubato Le bici? Sicuri?
Io ho fatto una delle prime tessere e fino a che il servizio lo ha gestito zetema o qualche nome simile nessun problema e nessuna sparizione di bici.
da quando è passato ad atac fine del servizio e sparizione delle bici,i romani saranno diventati ladri con il cambio di gestore?
Io credo che atac non abbia nessun interesse a far funzionare il servizio.

monicacarcangiu ha detto...

È vergognoso. Sono appena stata a Parigi dove il bike sharing é uno delle spine dorsali del trasporto urbano. Nelle città anche più sconfinate il bikesharing é una realtà che funziona. Perché semplicemente non fare un accordo con una società produttrice di bici elettriche e dare loro la completa gestione delle stazioni del bike sharing? Non serve parlare di cartelloni . Si devono semplificare le collaborazioni.

fabiana velardita ha detto...

Ho letto una prova di prestito che ha parlato di un uomo onesto e serio. E che lo ha aiutato con un prestito di 70.000,00€. Io garantiti che ho ricevuto il prestito che la settimana scorsa e grazie a questo denaro potrei pagare le mie fatture ed aprire la mia impresa a voi che non li avete il favore delle banche ecco è e-mail: maurocallipo94@gmail.com



Ho letto una prova di prestito che ha parlato di un uomo onesto e serio. E che lo ha aiutato con un prestito di 70.000,00€. Io garantiti che ho ricevuto il prestito che la settimana scorsa e grazie a questo denaro potrei pagare le mie fatture ed aprire la mia impresa a voi che non li avete il favore delle banche ecco è e-mail: maurocallipo94@gmail.com




Ho letto una prova di prestito che ha parlato di un uomo onesto e serio. E che lo ha aiutato con un prestito di 70.000,00€. Io garantiti che ho ricevuto il prestito che la settimana scorsa e grazie a questo denaro potrei pagare le mie fatture ed aprire la mia impresa a voi che non li avete il favore delle banche ecco è e-mail: maurocallipo94@gmail.com




Ho letto una prova di prestito che ha parlato di un uomo onesto e serio. E che lo ha aiutato con un prestito di 70.000,00€. Io garantiti che ho ricevuto il prestito che la settimana scorsa e grazie a questo denaro potrei pagare le mie fatture ed aprire la mia impresa a voi che non li avete il favore delle banche ecco è e-mail: maurocallipo94@gmail.com